È ancora viva nella memoria di tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato la figura e l’opera di don Mario Penzo, il sacerdote che per oltre cinquant’anni ha dedicato la sua attività e tutta la sua vita alla parrocchia di San Giovanni, al suo Oratorio e agli anziani di questo popoloso e popolare Rione di Trieste. a pochi giorni dell’anniversario della sua morte avvenuta il 18 aprile 2005 ed in occasione della festa del Patrono San Giovanni, l’Amministrazione comunale di Trieste gli ha intitolato la piscina per ricordare così il suo impegno di sacerdote in questo Rione, il suo servizio alla comunità e soprattutto ai giovani.
Presenti alla cerimonia, oltre a numerosi cittadini, la vicesindaca Fabiana Martini l’assessore allo sport Edi Kraus, il vicepresidente della Provincia Igor Dolenc, Adriano Dugulin dirigente dell’area sport, il Presidente della VI Circoscrizione Guglielmo Montagnana, i consiglieri Bruna Tam ed Edvard Krape?, la consigliera comunale Anna Mozzi e l’attuale parroco don Fabio Ritossa.

La Giunta ha fatto così propria la richiesta fatta già nel 2005 dai cittadini del rione con una petizione proposta dalla Pro Loco San Giovanni Cologna e firmata in pochissimi giorni da più di 1300 persone. Anche la VI Circoscrizione aveva approvato all’unanimità tale richiesta fatta propria poi, con mozione in consiglio comunale, dalla consigliera Anna Mozzi.

Don Mario Penzo, nato a Chioggia il 24 ottobre 1920, ordinato sacerdote nel giugno del 1944, dopo per brevi periodi a Muggia e a Servola, nel ’45 fu destinato alla parrocchia di San Giovanni. A questo Rione per sessant’anni ha saputo legare indissolubilmente il suo impegno di sacerdote e di uomo, conquistandosi la fiducia, la stima e l’affetto di ragazzi e famiglie, di tutte quelle persone, magari non avvezze a frequentare la chiesa, che hanno apprezzato la sua concreta testimonianza di vita a servizio alla comunità.