Le “Maldobrie” con Ariella Quel passato che fa sorridere di Francesco Cardella.
Un classico della cultura popolare triestina, riletta in chiave di lettura scenica da alcuni dei maggiori
interpreti dialettali (e non solo). È quanto caratterizza lo spettacolo in programma stasera – alle 21,
l’ingresso è libero – al Giardino pubblico, l’estemporaneo palco all’aperto di “Mamma mia, che
Maldobria!”, tratto dalle “Maldobrie” di Lino Carpinteri e Mariano Faraguna e interpretato da Ariella
Reggio, Maria Grazia Plos e Adriano Giraldi, con la colonna sonora dal vivo a cura del fisarmonicista
Carlo Moser. Una rappresentazione incastonata del cartellone disegnato dalla sinergia concepita
straordinariamente quest’anno dalle circoscrizioni comunali, in questo caso rappresentate dalle sedi II,
IV, V e VI. Per combattere gli ultimi strali dell’ondata afosa imposta da Caronte oggi si può quindi
respirare il teatro all’aperto, riassaporando pagine della produzione targata da un binomio storico come
Carpinteri&Faraguna, il filone probabilmente più conosciuto e altrettanto amato, divulgato a suo tempo
anche dalle pagine della rubrica dialettale “La Cittadella”. “Le Maldobrie” costituiscono infatti il pilastro
del percorso narrativo dei commediografi, scrittori e giornalisti Lino Carpinteri e Mariano Faraguna,
opera strutturata in una raccolta di storie in chiave umoristica, venate di ironia e rivolte alla forte
caratterizzazioni della sfera giuliano-dalmata tra lazzi, colori, abitudini e valori culturali relegati oramai
solo allo scrigno della memoria. Nello specifico, le storie della saga delle “Maldobrie” sono calate nel
periodo storico che accompagna il tardo Ottocento – battaglia di Lipsia, 1866 – e l’inizio della Prima
guerra mondiale, animato da un “cast” legato alle province del litorale Adriatico dell’impero asburgico.
La formula narrativa è semplice e intensa nel contempo, capace di riportare a galla idiomi e linguaggi
tipici della Venezia Giulia, dell’Istria e della Dalmazia e permettendo così di far giostrare una vasta
tipologia di personaggi, tutti rigorosamente inventati, capaci di spaziare dai contesti borghesi, a quelli
militari sino ai ceti popolari. La lettura scenica in programma stasera al Giardino pubblico ripercorre
alcune delle pagine più celebri e divertenti dell’album delle “Maldobrie”, spettacolo impreziosito da una
serie di divagazioni musicali e da citazioni, storiche anche esse, nate dall’estro dei due autori triestini.

[scarica il pdf]